20 Metodi per Guadagnare Online e Lavorare da Casa

Nello scorso articolo abbiamo parlato delle 8 cose che ho imparato portando avanti un progetto online, mentre oggi voglio condividervi ben 20 idee per il vostro prossimo business o semplicemente per iniziare a guadagnare sul web!

Guarda “Come Guadagnare Online e Lavorare da Casa: 20 Metodi Reali!” su YouTube

1.     Affiliazioni

Partiamo subito parlando delle affiliazioni, ovvero tutte quelle attività che ti permettono di guadagnare una commissione dalla vendita di un prodotto per conto di un’altra azienda o persona.

Questo solitamente avviene attraverso i link di affiliazione e un buonissimo esempio è l’affiliazione Amazon: ovvero la possibilità di generare link affiliati da inserire sul proprio sito web o sul proprio canale YouTube e che, una volta cliccati dall’utente, permettono di guadagnare una percentuale calcolata sulla spesa effettuata da questo utente.

Ovviamente l’affiliazione non esiste solo per Amazon ma anche per moltissimi altri siti e piattaforme, perciò vi basta cercare quelli più adatti a voi.

Ci tengo a dire che fare affiliazione in sé è un’attività piuttosto semplice che però richiede un elemento fondamentale: ovvero il traffico. Questo significa che per far sì che gli utenti clicchino sui vostri link affiliati ed effettuino una spesa, avrete bisogno di un traffico di utenti piuttosto grande e perciò avrete bisogno o di un sito web o blog ben posizionato dal punto di vista SEO, o di una pagina social molto seguita oppure dovrete investire in advertising ad esempio su Facebook o su Google.

2.     Banner Pubblicitari

Una seconda modalità sono i banner pubblicitari, i quali possono essere inseriti su siti web, blog oppure su i video YouTube.

Ci sono diverse piattaforme che gestiscono i banner pubblicitari, di cui una delle più conosciute è sicuramente Google Adsense, perciò se vorrete utilizzare questa modalità di guadagno dovrete decidere a quale di queste affidarvi.

Nel caso dei banner, il più delle volte il guadagno avviene in base al PPC, Pay Per Click, cioè la piattaforma vi paga una determinata somma ad ogni click che l’utente effettua sul vostro banner. Capite bene quindi che, come nel caso delle affiliazioni, anche in questo caso avrete bisogno di un sito web che generi abbastanza traffico per fare volumi e quindi guadagni interessanti.

3.     YouTube

Ma parliamo di YouTube. YouTube è sicuramente un metodo molto interessante per generare guadagni poiché mette insieme la possibilità di guadagnare sia attraverso le affiliazioni e i banner di cui abbiamo parlato prima, sia attraverso le attività di influencer marketing e collaborazioni con le aziende di cui parleremo in seguito.

Per quando guadagna il guadagno attraverso i banner pubblicitari, su YouTube avviene tramite Adsense nella modalità PPM, Pay Per Mille, cioè YouTube vi paga una determinata cifra ad ogni mille persone che visualizzano quel banner.

4.     Collaborazioni con i Brand

Passiamo quindi alle collaborazioni con le aziende, molto frequenti nel mondo dell’influencer marketing.

Le collaborazioni funzionano in questo modo: l’azienda contatta l’influencer o content creator (o anche viceversa) proponendo un progetto di collaborazione che può prevedere la sponsorizzazione di un prodotto, la creazione di un determinato contenuto e così via… che verrà retribuito per una determinata somma.

Il guadagno può essere fisso: cioè ti pago 100 per fare questo progetto, indipendentemente dai risultati, oppure a performance, cioè ti pago 20 per ogni nuovo cliente che mi porti. Ovviamente poi la retribuzione può essere anche un mix di fisso e performance, il tutto dipende dagli accordi presi tra l’azienda e l’influencer.

Può capitare che tra l’azienda e l’influencer ci sia un’agenzia che gestisca la collaborazione che, in questo caso, prenderà una percentuale sulla somma che l’azienda avrà allocato per un determinato progetto.

Ma di come funzionano l’influencer marketing e le collaborazioni con le aziende ci sarebbe molto altro da dire perciò fatemi sapere nei commenti qui sotto se vi interessa un approfondimento su questo tema o se avete domande particolari!

5. E-commerce

Un altro metodo piuttosto classico per guadagnare online è aprire un e-commerce, su cui potrete vendere i vostri prodotti fisici, digitali o artigianali.

Questo può essere fatto in diverse modalità che tra poco andremo a vedere, ad esempio creando la piattaforma e-commerce da zero oppure utilizzando siti di ecommerce già esistenti come Etsy o Amazon, di cui parleremo meglio a breve. 

Ovviamente si può dire che Il vantaggio di avere un e-commerce proprio sia una maggiore flessibilità e capacità di personalizzazione e monitoraggio delle vendite, ma al tempo stesso ciò significherà investire maggiormente in advertising per “far scoprire” il vostro store dagli utenti, mentre con i siti citati in precedenza sarà molto più facile ottenere visibilità gratuitamente grazie al traffico già presente su quel sito.

6. Amazon FBA

E legato proprio a questo, parliamo del tanto discusso Amazon FBA, una modalità di guadagno online che in questi anni ha fatto molto parlare di sè.

Per chi non sapesse cos’è Amazon FBA, il termine FBA sta per Fulfillment by Amazon, ovvero “Gestito da Amazon”. Questo significa utilizzare il sistema creato da Amazon per vendere prodotti che sfruttano la sua logistica, il suo servizio clienti e il suo servizio resi. 

In questo modo quindi si possono inviare direttamente i propri stock di prodotto al magazzino di Amazon, e avere immediatamente pubblicati i propri prodotti su Amazon.it, così che questi possano essere visibili e disponibili per ogni utente presente sulla piattaforma, senza particolare sforzo da parte del venditore. 

7. Dropshipping

Un’altra modalità di fare e-commerce, atrettanto discussa, è il dropshipping, che funziona in questo modo: 

  • il dropshipper apre uno store online su una piattaforma per e-commerce di sua proprietà, ad esempio molti per semplicità utilizzano Shopify, che è come se fosse un WordPress per ecommerce
  • su questo store, il dropshipper non vende un prodotto di sua proprietà, ma vende prodotti per conto di un terzo fornitore, il quale ha a suo carico tutta la gestione della produzione, logistica e così via… 
  • il dropshipper quindi dovrà preoccuparsi unicamente di avviare delle strategie di marketing per portare utenti sul suo store e fare in modo che avvenga la vendita
  • e quando il cliente comprerà dallo store, l’ordine arriverà sia al venditore che al fornitore, il quale si occuperà di tutto il processo di spedizione, assistenza ed eventuali resi

Capite quindi bene quali possano essere i vantaggi e gli svantaggi di avere un ecommerce interamente prorpietario, affidarsi ad amazon FBA o fare dropshipping, ma ovviamente anche qui ci sarebbero tante altre cose da dire perciò fatemi sapere nei commenti qui sotto se desiderate un vdieo in cui approdonire questi argomenti o se avete delle domande particolari.

8. Amazon Ebooks (Amazon Self-publishing)

Ma torniamo a parlare di Amazon, perché sì, dovete sapere che oltre a FBA, Amazon mette a disposizione degli utenti anche un’altra opportunità di guadagno: cioè il self-publishing su Kindle. 

Il self publishing dà sostanzialmete la possibilità di ubblicare un libro senza avere una casa editrice vera e propria, pubblicando il proprio e-book nel kindle store e rendendolo disponibile a tutti gli utenti della piattaforma. 

la procedura di pubblicazione è gratuita, semplice e richiede meno di 48 ore e in più è possibile effettuare qualsiasi modifica ai propri libri in qualsiasi momento, inoltre i guagnadi arivano fino al 70% di royalty sulle vendite. 

9.     Consulenze online

Un altro modo molto interessante per guadagnare online è Vendere servizi e consulenze e il bello è che si tratta di una cosa che “potenzialmente” potrebbe fare chiunque abbia una particolare abilità o competenza.

Ovviamente questa metodologia di guadagno è molto flessibile ma richiede anche particolari competenze soft come ad esempio saper gestire i propri clienti, organizzare i propri tempi, capacità di ascolto e così via… insomma non una passeggiata!

Per quanto riguarda invece i canali di vendita avete veramente ampia scelta! Una consulenza infatti può essere venduta attraverso qualsiasi canale, che sia con l’offerta di un contenuto gratuiti sul proprio blog o canale YouTube, tramite un profilo Instagram ben curato oppure un buon utilizzo di Linkedin!

10. Infoprodotti e corsi

Gli infoprodotti e i corsi sono definiti tra i migliori metodi di guadagno “passivo” sul web.

Guadagnare passivamente infatti significa in parole povere ottenere incassi da asset che funzionano da soli, senza che ci sia dietro un vero e proprio lavoro continuo.

Mi sento comunque di puntualizzare questa cosa, avvertendovi del fatto che sì, un corso o un infoprofotto è sicuramente un asset che può generare diversi guadagni nel tempo, ma credo anche che un corso di valore sia un prodotto in continuo aggironamento e che richiede quindi all’autore di intervenire periodicmanete insetrendo nuovi contenuti o aggiornando quelli ormai superati.

Inoltre vi invito a lanciarvi nel mondo dei corsi e degli infoprodotti solo se avete una reale passione in un determinato argomento e nel realizzare contenuti realmente formativi per le persone. Di corsi fuffa infatti ne è pieno il mondo e sono sicura che gli utenti di internet non ne vogliano di ulteriori!

11. WEBINAR 12. Membership

Altri metodi di guadagno simili alla vendita di corsi online e infoprodotti sono i webinar, ovvero lezioni online solitamente di lunga durata e che approfondiscono un argomento nello specifico, dando informazioni molto precise e tecniche, oppure le Membership, dei veri e propri abbonamenti che permettono agli utenti di iscriversi e di ricevere periodicamente dei contenuti interessanti e aggiornati rispetto ad uno specifico argomento. Un esempio di membership può esser ad esempio una newsletter settimanale con tutte le ultime novità relative al mondo dell’e-commerce, al costo di €10 al mese.

13. Email Marketing

Nel momento in cui si è stati in grado di creare una newsletter con una lista di iscritti ben targetizzata e un buon tasso di apertura delle email, è possibile anche utilizzare questo asset all’interno di un’attività di emai marketing, ovvero mettere a disposizione la propria newsletter per collaborazioni con brand, sponsorizzando i loro prodotti con i propri iscritti. 

Ovviamente consiglio di fare questa attività sponsorizzando solamente prodotti che possano esseere realmente interessanti per i vostr iscritti, evitando quindi di essere considerati come spammer e di perdere parte della vostra audience. 

14. Podcasting

Lo stesso ragionamento può essere fatto per chi abbia un podcast attivo. Infatti è possibile inserire delle promozioni all’interno della puntata di un podcast, sponsorizzando un particolare brand con cui si è concordata una collaborazione. 

anche qui vi raccomando di fare attenzione a sceliere brand che apprezzate realmente e che possano essere di valore per il vostro pubblico, regola che vale per tutte le attività di collaborazione e influencer marketing fatte con le aziende.

Se volete sapere come avviare un podcast, trovate un video dedicato sul mio canale: ve lo lascio qui sopra nei consigliati e in descrizion!

15. Siti freelance

Il quindicesimo modo per guadagnare online è trovare lavori tramite i siti di freelancing come Upwork o Fiverr, i quali sono ricchissimi di annunci per qualsiasi tipo di lavoro e lavoretto fattibile da remoto, in tutto il mondo.

Ovviamente all’inizio i guadagni saranno piuttosto contenuti ma se saprete portare a termine con successo diversi lavori ottenendo buoni feedback, questo vi permetterà di crescere sulla piattaforma e di poter alzare le vostre tariffe. Ricordate comunque che siti come Upwork e Fiverr trattengono sempre una percentuale sui vostri guadagni.

16. Lavora da remoto

Per chi desidera maggiore stabilità rispetto al mondo del freelancing, l’alternativa è cercare un lavoro full-time o part-time da remoto sui siti specializzati in remote working. 

Sì avete capito bene, ormai con la diffusione di internet e di una mentalità lavorativa sempre più flessibile, è possibile trovare lavoro anche dall’altra parte del mondo rimanendo comodamente seduti alla propria scrivania di casa. 

Fino ad ora, il migliore sito che ho troavto è Flexjobs, il quale richiede una piccola fee per poter rispondere agli annunci, ma allo stesso tempo assicura qualità e affidabilità degli annunci lavorativi. 

Ovviamente grand parte degli annunci provengono da aziende oltreoceano, perciò consiglio sempre a chiunque voglia lavorare da remoto di impegnarsi per rafforzare il proprio livello di inglese. sul mio canale trovate porprio un video con tutti i miei consigli su come migliorare l’inglese, ve lo lascio in descrizione!

17. Insegna italiano online

Un altra modalità ineressante per chi conosce bene l’inglese ès ciramente l’insegnamento della lingua italiana.

Infatti non immaginate quante persone al mondo siano innamorate della nostra cultura e della nostra lingua e siano disposte a pagare un insegnante privato eper impararle.

Perciò, se vi sentite a vostro agio con l’idea di insegnare italiano online tramite video chiamate, vi consiglio di effettuare alcune ricerche su Facebook per trovare gruppi di stranieri interessati all’italia e alla lingua italiana e proporvi come insegnante!  

18. Diventa un assistente virtuale

Se inevce siete persone particolarmente organizzate e precise, vi consglio vivamente di espolrare maggioremente il modno degli assistenti virtuali.

Con la nascita dell’imprenditoria digitale infatti ci sono tantissimi marketer e imprenditori online che hanno bisogno di supprito nella gestione dei task hgiornalieri: rispondere alle mail, fissare meeting, aggiornare le pagine social e così via e questo può essere fatto i modo professionale da una persona che lavora da remoto!

Se siete interessati a trovare le prime opportunità come assistenti virtuali anche qui vi consiglio di esplorare i gruppi facebook di imprenditori e marketer per trovare delle persone potenzialmente interessate ai vostri servizi oppure di cercare degli annunci specifici sui suiti di freelancinh. 

19. Vendi ciò che non usi più

E passiamo quidni alle aultime due attività che possono essere svolte per guadagnare online. Queste due attività sono le più semplici ed immediate di questo elenco e possono essere fatte con facilità davvero da chiunque. 

La prima è vendere oggetti usati online, cioè liberarsi di tutto ciò che non utilizziamo più ma che è ancora in buono stato e venerlo tramite siti come subito.it, depop o sphock. 

Fare questo è semplicissimo, ma se volete fare un passettino in più e prepararvi a lanciare un business online gfacendo qualche piccolo esperimento, vi consiglio di essere creativi e ad esempio di apire un profilo instagram proprio dedicato ahli oggetti e ai vestiti che non utilizzate più, offrendo loro così ancora più visibilità e svolgendo i primi passi per comprendere il funzionamento dei social e della vendita online… consideratelo un po’ come se fosse un piccolo esperimento di ecommerce!

20. Referral

L’ultima semplice modqlità invece è sfrutare i sistemi di referral o più comunemente chiamati “Invita un amico”, delle varie app e in particolare quelli dei conti correnti e delle acrte prepagate online come Hype, N26, Revolut, Satispay, Oval Money e così via..

Queste app onfatti perettono di invitare i prorpi amici ad iscriversi a loro volta e molto spesso per questo offronto un compenso che può andare dai 5 euro fino ai 30/40!

Capite bene quindi che questo può essere un buon sistema, molto semplice, per fare qualche piccolo guadagno ogni mese. 

Bene siamo arrivati alla fine di questi 20 modi per guadagnare online e da remoto! Io spero davvero che quetso video bvi sia stato itile e in particplare ci tengo a sottolineare il fattoche a parte le ultime due modalità, tutte le altre richiedono un vero e proprio lavoro strategico per generare non solo grandi quantità di traffico ma anche traffico di qualità, che poi sia effettivamente interessato e propenso ad acquistare i vostri rpdotti o servizi. 

Tutto questo per idrvi che: no, non esistono scorciatoie per guadagnare facolmemte e subito online ma ogni attività richiedere lavoro, impegno, costanza e pazienza! Questo ci tengo a sottolinearlo sempre!

Se il video vi è piaciuto, mi raccomando lasciate un bel mi piace, un bel commento qui sotto e iscrivetevi al canale se non lo avete ancora fatto, attivando la campanella delle notifiche per essere aggiornati dell’uscita di ogni mio nuovo video. 

Fatemi sapere quale di queste modalità di guadagno online vorreste vedere approfondite in futuri video. Io vi lascio qui accanto altri due video che spero possano esservi utili e, come sempre, vi auguro una splendida giornata! 

Lascia un commento

Articoli  in evidenza